Skip to content

Nessun colpo di scena nel primo dibattito presidenziale

settembre 27, 2008

Il primo dibattito presidenziale si è appena concluso. La prima mezz’ora è stata inevitabilmente dedicata alla crisi finanziaria, argomento su cui entrambi i candidati non si sono particolarmente esposti. Nei 60 minuti successivi, come da programma, sono stati affrontati i grandi temi della politica internazionale: l’Iraq, L’Iran, la Russia, l’Afghanistan e la sicurezza nazionale.

Ecco alcune delle risposte più significative che i due candidati hanno dato questa sera:

Iraq

Obama: “John hai votato il 95% delle volte per le politiche sbagliate di Bush. Mi sono opposto alla guerra in Iraq. Avevo ragione: è stata un errore. In Iraq non abbiamo usto in modo saggio le nostre risorese economiche ed umane”.

McCain: “L’America ora sta vincendo la guerra in Iraq e i nostri soldati torneranno a casa con onore, non come in passato. Ora c’è una vera strategia”.

“Il Senatore Obama non è mai andato in Iraq o Afghanistan in questi anni mentre era Preidnete della Commissione esteri del Senato”.  

Iran:

Obama: “Dobbiamo instaurare un dialogo solido con l’Iran prima di tornare a parlare di sanzioni. Bisogna fare una distinzione tra precondizioni e preparazione quando si decide di instaurare un dialogo. Non è possibile risolvere ogni problema prima di inziare a parlare. Ricordo a McCain che il suo consigliere Henry Kissinger ha detto le stesse cose”.

“McCain non parlerebbe neanche con gli amici. L’altro giorno ha detto di non essere sicuro di voler incontrare il leader spagnolo Zapatero. La Spagna, ricordo, è un Paese della Nato”.

McCain: “Se l’Iran continua con l’arricchimento nucleare è una minaccia per Israele e per i Paesi confinanti. Non possiamo permettere un secondo Olocausto.” 

“Obama non capisce che non ci siede al tavolo con qualcuno che ha chiamato Israele un cadavere putrefatto perchè così lo legittimi”.

 Afghanistan e Pakistan

Obama: “Da oltre un anno ripeto che devono essere mandate più truppe in Afghanistan. La situazione è drammatica. In Iraq che non ha mai avuto nulla a che fare con l’11 settembre sono presenti 4 volte  il numero di militari spiegati in Afghanistan”.

McCain: “Non possimo ignorare gli errori del passato fatti in Afghanistan. Per quanto riguarda il Pakistan, il senatore Obama ha dichiarato di voler attaccare il Pakistan e queste cose non si dicono pubblicamente”.

Non è uscito sostanzialmente niente di nuovo dal primo confronto tra Obama e McCain. I primi sondaggi, Cnn e Cbs, danno il senatore dell’Illinois in vantaggio ma l’impressione a  caldo di alcuni analisti è che si tratta di un pareggio: McCain è stato più sicuro in politica estera mentre Obama è riuscito ad essere più chiaro e rigoroso quando si è parlato di economia. I candidati hanno utilizzato questa occasione per rimarcare le proprie posizioni cercando di raggiungere quella fetta di audience che non segue la politica quotidianamente.

Il prossimo appuntamento è il 2 ottobre con il dibattito dei candidati alla Vice Presidenza Sarah Palin e Joe Biden

Annunci
One Comment leave one →
  1. Romolo e Mery permalink
    settembre 27, 2008 4:51 pm

    articolo ben fatto e molto comprensibile….ma soprattutto scritto da un’inviata “molto” speciale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: