Skip to content

Primo Levi, l’antropologo della normalità

ottobre 26, 2009

shapeimage_2

Primo Levi fu costretto ad aspettare 12 anni prima che “Se questo è un uomo” venisse pubblicato da Einaudi. A bloccare il manoscritto fu Cesare Pavese, con cui probabilmente la collega Natalia Ginzburg si trovava d’accordo, il motivo pare stesse nel fatto che era un testo trito e ritrito e che bisognava aspettare un po’ di tempo prima di tornare alla pubblicazione di opere letterarie di questo genere. Questa sera alla Casa Italiana Zerilli-Marimò a New York, Ernesto Ferrero, direttore della Fiera del Libro di Torino e amico di Levi, ha spiegato cos’era che muoveva Levi nello scrivere. “Levi è innanzitutto un ricercatore, uno scienziato e uno scrittore…dotato di una curiosità, che si risolve in definitiva in una speciale abilità del guardare (uno dei tanti tratti in comune con Italo Calvino) “. Questa curiosità particolare, che non lo porta mai ad essere un buonista e lontanissimo dalla retorica letteraria che compiace, adula e vuole a tutti i costi commuovere i propri lettori, viene in luce in un breve racconto non pubblicato scritto pochi mesi prima di morire. ” In esso -spiega Ferrero- , nel tipico stile epistorlare del 18esimo secolo, Levi racconta perchè un uovo bollito diventa solido e non liquido”

Levi scrive:Fino a quando vivrò, continuerò a sorprendermi non solo per le uova, ma anche per le mosche, le moschee, i poliedri, i granelli di polvere e le pietre …Non c’è oggetto che non riesca a meravigliare o incusiorire quando lo si osserva con occhi concentrati da una certa vicinanza“.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: