Skip to content

I Talebani raccontati da Ahmed Rashid e Magnum

novembre 29, 2009

Alla vigilia del discorso di Obama sull’invio di 35.000 mila militari americani in Afghanistan ho pensato di postare lo straordinario lavoro di Thomas Dworzak dell’agenzia fotografica Magnum sui Talebani.

Magnum e Ahmed Rashid, esperto di Afghanistan e autore del saggio “Taleban” hanno realizzato questo video in cui attraverso lo studio dei ritratti trovati dal fotografo Dworzak negli studi fotografici di Kabul viene raccontata la storia di una parte della popolazione afghana. L’analisi fatta da Rashid parte dall’osservazione dei dettagli dei  ritratti: la presenza costante dei fiori, la spontaneità con cui i  guerriglieri si tengono per mano, il trucco agli occhi e i turbanti ben sistemti sul capo, evidenziano con prepotenza l’aspetto femminile di un gruppo dedito alla violenza e alle armi. La scelta di posare, a volte, con una pistola in mano e un vaso di fiori nell’altra, mostra un’ambiguità sconvolgente per quanto ricca di significati: la ricerca di un’identita professionale e sessuale interpretata in maniera naive e senza vergogna viene  inconsapevolmente semplificata attraverso l’utilizzo del fuicile e dei fiori. In queste foto i taleban  non vogliono mai abbandonare gli strumenti da lavoro, le armi, per paura di non venir riconosciuti come dei guerriglieri e curano il loro aspetto fisico all’ossessione come narcisi che non potranno evitare di cadere nelle acque del fiume.  

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: